Pubblicato il Lascia un commento

2 Modi per Togliere i Porri in Maniera Naturale

eliminare le verruche

 

Vediamo per prima cosa è il Porro cosa è? secondo il dizionario medico del “coriere della sera” le “Verruche volgarmente dette porri”, rappresentano una delle più comuni infezioni da virus responsabili di queste forme sono i Papilloma virus (HPV). Le verruche si mostrano con aspetto diverso secondo la localizzazione: possono essere filiformi, piatte, rilevate o addirittura a cavolfiore. La loro contagiosità è scarsa, ma provata  più nota e facilmente accertabile è la loro autoinoculabilità: una singola lesione iniziale è spesso seguita dallo sviluppo di altre verruche satelliti. Le verruche sono principalmente un’affezione dell’età giovanile.



//

VEDIAMO ORA IL PRIMO METODO

2 modi per togire i porri03

Per prima cosa laviamo la parte con la verruca con acqua e sapone ed asciughiamola bene, dopo di che tagliamo la testa di Aglio in due parti e leghiamolo appoggiando la parte interna dell’aglio sulla verruca, e cambiamolo ogni 12 ore circa fino a quando la verruca non si secca dopo di che aspetta qualche giorno è sara facile da togliere semplicemente grattandola e si staccherà come pelle morta.

 

SECONDO METODO
togliere i porri in modo naturale

Anche se quasi sempre non dolorosi i piccoli peduncoli, noti anche come fibroma pendulo che si formano attorno al collo, alle ascelle rappresentano un inestetismo molto comune. Per eliminarli esiste un metodo naturale: a descriverlo ci ha pensato il dottor Doug Willen, autore di Quantum Paleo.

Immergete un batuffolo di cotone nell’aceto di mele e strofinare sulla zona interessata due/tre volte al giorno. Proseguite il trattamento fino a quando il peduncolo cambia colore. Negli ultimi giorni di trattamento, dovrebbe scurirsi e cadere.

Il medico consiglia: “Tenete a mente che l’aceto di mele è acido e può causare qualche lieve prurito e bruciore per qualche minuto quando si esegue questo trattamento. Per minimizzare questi effetti diluire l’aceto con acqua prima di procedere con il trattamento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *