Pubblicato il Lascia un commento

I Cibi che ci Aiutano a Dormire Meglio

dormire bene

Le ultime ricerche scientifiche hanno dimostrato la relazione tra cibo e il dormire bene l’istituto Pennsylvania University ha fatto uno studio che hanno accertato che le diete povere di Alfa-Carotene,Selenio, Acido Laurico e Calcio, così come quelle prive di Vitamina D e Licopene causano difficoltà nell’ addormentarsi.

VEDIAMO ADESSO QUALI SONO I CIBI CHE CI AIUTANO A DORMIRE



//

caroteLE CAROTE – L’ Alfa-Carotene, di cui questi ortaggi sono molto ricchi, è associato a sonni lunghi e sereni. Quindi carote crude, succo di carota, carote lessate. Che contengono anche potassio, vitamina B6, vitamina A e biotina.

LE NOCI – Contengono buone dosi di Melatonina, l’ormone che regola il riposo. Ne andrebbero consumati 30 grammi al giorno. Le noci sono ricche anche di preziosi Omega 3, vitamina E, manganese e biotina.

YOGURT GRECO – È ricco di proteine, calcio e vitamina B12, essenziali per assicurarsi un buon sonno. Può unirsi alla frutta per uno spuntino sano e… soporifero.

SEMI DI ZUCCA – Dei veri detonatori del sonno grazie alla quantità di triptofano e zinco (precursori della serotonina e della melatonina) di cui sono ricchi. Contengono anche vitamina E, manganese, proteine e ferro. Il quantitativo da consumare è un quarto di tazza.

FUNGHI – Offrono buone dosi di vitamina D, selenio e potassio, vitamina B2 e B3. Mezza tazza di funghi cotti forniscono un terzo del fabbisogno quotidiano di selenio.

POMODORO – È ricchissimo di Licopene, un vero toccasana per sonni sereni. È inoltre un potente antiossidante e fa bene al cuore e al sistema scheletrico.

SALMONE E MERLUZZO – Fanno abbassare il Colesterolo cattivo e la pressione sanguigna, potenziano le funzioni oculari e cerebrali e sono ricchi di proteine (vera manna per prender sonno) e vitamine. Il salmone fornisce il 236% del fabbisogno giornaliero di vitamina B12, il 127% di vitamina D, il 78% di selenio. Il merluzzo il 100% di vitamina B12 e il 57% di selenio.

OLIO DI COCCO – Contiene grandi quantità di Acido Laurico, associato a sonni profondi, a differenza di quanto accade con i grassi animali come il burro. Anche la polvere e il latte di cocco contengono dosi elevate di Acido Laurico.

KALE O (CAVOLO RICCIO) – Ultimamente è diventato l’alimento più richiesto, per il mix di qualità benefiche che lo rendono un vero super alimento. Dato che contiene dosi elevate di Calcio, Potassio, Magnesio, Vitamine K, A e C, Ferro, Omega 3 e Alfa-carotene.

ACQUA – Secondo gli studi della Pennsylvania University, una buona idratazione è fondamentale per godere di un sonno sereno. Il blog consiglia anche alcune ricette per associare insieme questi alimenti e potenziare l’effetto soporifero: yogurt greco con noci, frutta e semi di zucca; salsa di pomodoro, carote e funghi; salmone cotto in olio di cocco, riso con carote, cardamomo, noci e semi di zucca; zuppa di pollo con pomodori e kale.

GLI SPINACI – Sono ricchi di Magnesio e di nutrienti, come, per esempio, il Calcio e l’Acido Folico. Si tratta di un cibo che è in grado di favorire il rilassamento muscolare e quindi di stimolare un buon riposo.

LE CILIEGIE – Anche le Ciliegie rappresentano una fonte di melatonina. Uno studio, in cui i risultati sono stati pubblicati sul Journal of Sleep Research and Sleep Disorders, ha messo in evidenza le proprietà rilassanti di questi frutti.

LE BANANE – Contengono molti Sali Minerali, soprattutto Magnesio e Potassio che riescono a combattere gli spasmi muscolari e i crampi, che a volte si possono presentare anche durante il sonno.

 

Pubblicato il Lascia un commento

I Cibi che Alleviano i Dolori Mestruali (DISMENORREA)

ciclo mestruale

INIZIANDO HA CAPIRE COSA SONO:

Una cosa naturale e molto diffusa sono questi dolori come : Cefalee, crampi all’ addome, dolore alla schiena e alle gambe, stanchezza, nausea, senso di costipazione costante, sbalzi d’umore: tutti questi disturbi sono conosciuti dalle nostri lettrici come dolori mestruali.

Anche se l’intensità può variare in base alla sensibilità della persona, questo disturbo accompagna la vita di tutte le donne sino alla menopausa, ma con piccoli accorgimenti oggi è possibile alleviarne le sofferenze della maggior parte del nostro pubblico femminile, almeno in questo modo spero di fare una cosa gradita anche per gli uomini che stanno al loro fianco, che per lo meno staranno più sereni.



//

dolori mestrualiVEDIAMO INSIEME COSA EVITARE PER UNA BUONA SALUTE

1) LATTICINI – Questi alimenti interferiscono sull’ equilibrio del Calcio che, a sua volta, influenza l’equilibrio del magnesio. Se si evita un consumo eccessivo di questi alimenti si può influisce positivamente sui dolori mestruali, fino al punto di alleviarli in maniera graduale nei casi più gravi ed eliminandoli nei casi più lievi.

2) GLI ZUCCHERI – Come molti di noi già sanno questo alimento va scelto con molta attenzione perché un eccesso di questo alimento può peggiorare, come anche un’alimentazione ricca di carboidrati raffinati (per esempio pane e pasta “bianchi”) è sconsigliata perché favorisce un aumento dell’insulina che a sua volta influisce sugli Eicosanoidi, di cui fanno parte le Prostaglandine, sostanze coinvolte in questo disturbo. Sono invece consigliati i cereali integrali e la frutta.

3)  I GRASSI – Vanno evitati i grassi animali e quelli vegetali idrogenati presenti soprattutto nella Margarina, nei prodotti da forno e nei dolci industriali. Va limitato il consumo di carni rosse e di tuorli d’uovo perché molto ricchi di Acido Arachidonico che innalza il valore degli Eicosanoidi e acutizza i dolori mestruali nei soggetti sensibili. Il pesce, specialmente quello azzurro, è invece particolarmente consigliato perché ricco di Omega- 3, acidi grassi che hanno la capacità di ridurre l’intensità dei crampi mestruali.

4) CAFFÈ, ALCOOL E SIGARETTE – Come molti di noi già sanno che in molte circostanze è meglio evitarli, perché riducono l’assorbimento del Magnesio e aumentano l’intensità del dolore. Anche il fumo ha lo stesso effetto.

5) CIBO TROPPO SALATO – Se il cibo è troppo ricco di sodio aumenta la ritenzione idrica, Questa è una delle cause dei dolori mestruali. Durante le mestruazioni la dieta dovrebbe quindi essere iposodica. Proprio per questo motivo è importante anche bere molto preferendo acque ad azione diuretica.

 

ALIMENTI CHE DOBBIAMO MANGIARE

1) ACQUA – Mantenere il corpo sempre idratato e una ottima cosa, perché si evita la redenzione idrica e di conseguenza il gonfiore addominale, almeno 10 bicchieri di acqua al giorno, da preferire l’acqua calda o tiepida che aumenta il flusso del sangue alla pelle, oppure mangiare cibi ricchi di acqua o che aiutano l’idratazione come ad esempio : Anguria, Lattuga, Sedano, Fragole e Cetrioli.

2) RISO INTEGRALE, OLIO EXTRA VERGINE E PESCE AZZURRO – Molto ricco di vitamina B6 (aiuta ha ridurre il gonfiore addominale)

3) MANDRLE, NOCI E SEMI DI ZUCCA – Contengono Magnese che (aiuta a combattere i crampi).

4) OLIO DI OLIVA E BROCCOLI – Ricchi di vitamina E

5) VERDURE A FOGLIA VERDE, PESCE, POLLO, CANNELLA E PAPAYA – I quali contengono Ferro e quindi (aiutano ha integrare quello perso durante il ciclo)

6) ZENZERO – Questo alimento ha la capacità di alleviare i dolori mestruali.

7) SALMONE, TONNO E SGOMBRO, SUCCO DI ARANCIA, LATTE DI SOJA E CEREALI – Grazie all’apporto giusto di vitamina D e possibile alleviare i dolori mestruali.

ALCUNI CONSIGLI UTILI

fare corsa al tramontoFARE ATTIVITÀ FISICA – Come molti di noi già sanno fare attività fisica fa bene ha molte cose per il nostro corpo, ma quello che molti non sanno è che può giovare anche al ciclo mestruale, dato che ciò aiuta nella distensione muscolare evitando così i crampi addominali dato che aiuta la contrazione ed il rilassamento dei  muscoli addominali, gambe e schiena, c’è da ricordare che comunque con il senso di stanchezza non è facile dedicarsi ad una buona attività fisica, ma è importante farlo per stare meglio.anche una buona e lunga camminata all’aria aperta e rigenerante per stare bene.

FARE MASSAGGI – Se proprio non vi va di uscire per fare un po’ di movimento o il dolore è troppo acuto da costringervi a letto, e un ottimo rimedio praticate dei massaggi circolari con la punta delle dita attorno al basso ventre, tenendo le gambe sollevate per alcuni minuti oppure sdraiatevi su un fianco rannicchiando le gambe in posizione fetale.

FARE IMPACCHI CALDI – Applicare impacchi caldi al basso addome o sulla parte inferiore della schiena può aiutare a rilassare i muscoli che si contraggono vicino all’utero, e che causano la gran parte dei dolori mestruali. Per trovare un po’ di conforto, puoi utilizzare una bottiglia di acqua normale o un thermos pieno d’acqua calda, oppure puoi fare impacchi caldi o comprare un cuscinetto riscaldante. L’importante è fare un’applicazione di 5-10 minuti due volte al giorno sulle zone del corpo precedentemente segnalate per avere degli effeti sicuramente benefici.

Pubblicato il Lascia un commento

I Cibi Che Combattono il Mal di Testa (Cefalea)

mal di testta 3

INIZIAMO QUESTO ARTICOLO CON IL CAPIRE COSA É IL MAL DI TESTA

Mal di testa o (Cefalea) è sicuramente un disturbo molto frequente hai tempi di oggi, che nei casi peggiori può diventare molto difficile da sopportare, persino per i neurologi \scoprire le cause di questa patologia non sempre e semplice, infatti ne esistono molte e dei tipi più svariati, alcune volte legati anche ad una predisposizione personale.

Va ricordato che tra i tanti fattori scatenanti delle cefalee, c’è anche il cibo. In ciò è stato infatti riscontrato un legame tra l ‘assunzione di alcuni alimenti e lo scatenarsi del mal di testa, soprattutto quando vi sia una particolare sensibilità non riconosciuta ad alcune sostanze (o conservanti) presenti nei piatti che si mangiano normalmente.



//
mal di testaCome per esempio sostanze come i Nitrati usati per conservare salumi e insaccati, Latiramina presente nei formaggi stagionati, il Glutammato di Sodio usato nei dadi per bordo e nelle zuppe pronte in busta, e i Tannini del vino rosso, secondo diversi studi sono in grado di provocare attacchi di cefalea in individui già predisposti.

 

Anche se ci sono altri cibi hai quali dover fare attenzione, che non vengono assimilati in modo corretto dal nostro organismo( ciò può capitare anche se non si è allergici a quel alimento) e tra questi i più pericolosi sono: i Legumi, le Cipolle, Crauti(Cavoli Fermentati), Olive in Salamoia, Frutta Secca (in Guscio con eccezione delle Mandorle ), Banane (Mature), Pane e Pizza (se Caldi), Cioccolato Puro,Caffè, Alcolici e Super Alcolici, Carni Rosse e Insaccati ( ricchi di Nitriti e Nitrati), Cibi Fritti in generale (maggiormente Patate Fritte), Dadi da Brodo, Formaggi Stagionati, Cibo Orientale (Che contiene Glutammato), Additivi chimici, Coloranti, Conservanti e Aspartame (meglio conosciuto come E951).

 

COSE CHE DOBBIAMO RICORDARE:

Che indipendentemente dai cibi che ingeriamo possono esserci altre cause per il mal di testa, tra le quali l’eccessiva quantità di alimento ingerito indipendentemente dal cibo ingerito, può scatenare nei casi di chi già soffre di emicranea forti attacchi. Inoltre va anche ricordato che anche chi ha problemi di digestione lenta o faticosa può essere un soggetto a rischio per questa patologia, oltre a questo ci sono cause che più o meno tutti già sappiamo, come ad esempio uno stile di vita non regolare possa essere devastante per il nostro corpo, e quanto una vita salutare possa entrare benefici preventivi, come ad esempio fare la giusta attività fisica, dormire bene, mangiare in orari regolari e senza eccessi, di non saltare i pasti, non digiunare, bere almeno 1,5 lt di acqua al giorno, e di non abusare di farmaci antidolorifici che (contengono caffeina).

 

VEDIAMO ORA GLI ALIMENTI AMICI CHE POSSONO AIUTARCI A STARE MEGLIO

1)  PATATE – Il mal di testa in alcuni casi può essere causato da una carenza di Potassio. Il consiglio consiste nel preparare un ottimo contorno a base di patate, da cucinare e consumare con la buccia, come nel caso delle Patate al Cartoccio, una patata cotta al forno con la pelle può contenere fino a 721 mg di potassio che ne pensate niente male vero?

 

2) ANGURIA –  in molti casi tra le cause del mal di testa troviamo la disidratazione. Per questo motivo può essere utile consumare cibi ricchi d’acqua, come l’anguria. L’acqua naturalmente presente in frutta e verdura oltre ad idratare l’organismo contiene minerali essenziali per la prevenzione del mal di testa, come il magnesio.

 

3) LE MANDORLE – sono una delle più importanti fonti alimentari di Magnesio, ha parere degli esperti il magnesio può essere utile per il rilassamento della tensione che può interessare i vasi sanguigni e provocare il mal di testa. Per aumentare l’apporto di magnesio attraverso l’alimentazione,

 

4) SEMI DI SESAMO – Non dimenticate di arricchire zuppe, insalate e muesli con i Semi di Sesamosoprattutto se soffrite di mal di testa. I semi di sesamo sono ricchi di Vitamina E oltre a ciò possono aiutare le donne a stabilizzare i livelli degli estrogeni durante il ciclo.Inoltre, la vitamina E migliora la circolazione e ciò può essere utile,secondo gli esperti di alimentazione, per prevenire il mal di testa.

 

5) SPINACI – Aiutano ad abbassare la pressione sanguigna, oltre che ad alleviare il mal di testa, per prevenire l’arrivo del dolore, potreste provare ad utilizzare le foglie fresche degli spinaci, anziché la lattuga, per preparare le vostre insalate, come suggerisce l’esperta Erin Palinski. Alla vostra insalata di spinaci potrete aggiungere noci e mandorle sembra anche una buona idea che ne dite?

 

6) BANANE – Tra le risorse utili a prevenire e combattere il mal di testa troviamo la Vitamina B6, che è presente in alimenti come le banane e che aiuta ad accrescere i livelli di serotonina a livello del cervello, portando ad un’azione anti-depressiva. Ciò contribuirebbe a ridurre la sensazione di dolore. La vitamina B6 sarebbe inoltre utile per contrastare la stanchezza mentale.

 

7) SEMI DI LINO – Sono associati a numerosi benefici per la salute per via del loro contenuto di acidi grassi Omega 3. Queste sostanze aiutano a combattere l’ emicranie e presentano proprietà antinfiammatorie. Il consiglio è di aggiungere i semi di lino ai cereali della colazione o alle insalate dopo averli tritati, in modo che l’organismo li possa assimilare meglio.

 

zenzero8) ZENZERO – Molti di voi conosceranno già questo alimento come rimedio naturale adatto solo in caso di nausea o mal di gola ma non è così infatti questa radice è un Antinfiammatorio e Antidolorifico naturale che può risultare utile per alleviare anche il mal di testa, grazie al suo contenuto di sostanze che aiutano l’organismo a percepire meno intensamente il dolore, quindi potreste provare a bere una buona tisana allo zenzero quando sentite che il mal di testa è in arrivo o quando è già presente, difatti è indicato in tutte le sue forme, anche crudo o sotto forma di caramella.

 

9) PEPERONCINO – Chi ama il gusto piccante potrebbe essere felice di sapere che questo alimento è considerato utile per contrastare il mal di testa e per alleviare il dolore, infatti gli effetti positivi del peperoncino sono dovuti al suo contenuto di Capsaicina, che lo rende un antinfiammatorio ed un antidolorifico naturale, utile non soltanto in caso di mal di testa, ma anche per il mal di schiena e per il mal di denti.

 

10) IL MAIS – può essere utile per prevenire il mal di testa per via del suo contenuto di Vitamina B3, Questa sostanza infatti supporta la funzionalità dei vasi sanguigni e calma i nervi, se l’alimentazione non risulta sufficientemente ricca di vitamina B3, potrebbero presentarsi dei mal di testa legati allo stress, ecco perché si consiglia di arricchire la propria alimentazionecon alimenti come il mais, patate e pomodori.

 

GRAZIE DI AVER LETTO VOI LETTORI SIETE LA MIA INSPIRAZIONE, PER AVER SCRITTO QUESTO ARTICOLO, SE VI È PIACIUTO DITELO HAI VOSTRI AMICI E CONDIVIDETELO NEI SOCIAL, QUESTO È UN AIUTO CHE MI DATE PER FARE SEMPRE MEGLIO GRAZIE!

Pubblicato il Lascia un commento

Il Cibo Che Aiuta Chi ha Problemi Respiratori

ASMA

INIZIAMO CON IL CAPIRE COSA `È L’ASMA UNO DEI PEGGIORI DEI PROBLEMI DELL’APPARATO RESPIRATORIO

L’asma è un’infiammazione cronica delle vie aeree, in particolare dei bronchi, che genera un’ipersensibilità a una serie di stimoli che porta, a sua volta, all’ ostruzione temporanea dei bronchi e difficoltà di respiro.

L’ostruzione delle vie aeree è dovuta a uno spasmo della muscolatura bronchiale, all’edema (gonfiore) della mucosa delle vie aeree e a un aumento della secrezione del muco.



//

Buona parte dei casi di asma è dovuta a un’allergia a sostanze che possono essere inalate. Può insorgere anche in seguito all’esposizione cronica a sostanze irritanti. Come anche le infezioni virali e batteriche delle vie aeree sembrano essere, in alcuni casi, all’origine della malattia. La crisi asmatica può essere scatenata anche da sforzi fisici intensi, sbalzi di temperatura e forti stress emotivi. Per quanto rara, esiste anche una forma di asma, detta idiopatica, di cui non è nota l’origine.Parlando di numeri colpisce circa 3,7 milioni di italiani, con conseguenze importanti sulla qualità di vita delle persone affette e pesanti riflessi economici.

I CIBI DA EVITARE

  1. LATTE E LATTICINI SOPRATUTTO QUELLI NON SALATI Come ad esempio Burro e Yogurt che alterano la composizione drl muco polmonare, così da far peggiorare la qualità, questo facilità l’ ingresso dei batteri.
  2. ZUCCHERO RAFFINATO(BIANCO) E ALCOOL Queste sono sostanze altamente raffreddanti che indeboliscono il sistema immunitario favorendone l’accesso dei batteri cattivi, specialmente i dolci che anno un insieme di latte , zuccheri, alcool, additivi chimici, coloranti.
  3. ATTENZIONE Anche tutto ciò che fa venire sete come farinacei e prodotti da formo.

VEDIAMO ORA I 10 CIBI CHE POSSONO AIUTARE A STARE MEGLIO:

avocado1) Avocado Che ha un’ alta concentrazione  di L-glutatione che è un ottimo anti-asma  che aiuta a proteggere le cellule contro i danni dei radicali liberi e disintossicare il corpo da sostanze inquinanti e da altre sostanze nocive. Ampiamente riconosciuto come l’antiossidante “un master”, l’avocado favorisce l’azione di tutti gli altri antiossidanti. La presenza di L-glutatione nell’ avocado è utile contro l’infiammazione sistemica, favorisce la salute dell’intestino, un processo che a sua volta aiuta a prevenire inneschi di asma.

2) Cavolo Una fonte eccellente di vitamina C, il cavolo possiede una capacità unica di bloccare i radicali liberi responsabili per il causare la contrazione dei muscoli lisci delle vie aeree. E’ anche una grande fonte di beta-carotene, un fitochimico potente antiossidante in grado di alleviare i sintomi dell’ asma esistenti e di prevenire quelli futuri.

3) Spinaci Uno studio su 68.535 donne partecipanti ha trovato che l’assunzione di spinaci è direttamente correlata con un rischio ridotto di asma. Ciò può essere dovuto al fatto che gli spinaci hanno un  alto contenuto di vitamina C, beta-carotene, vitamina E, e magnesio. La carenza di magnesio è prevalente tra le persone con Asma e in caso di  emergenza, trattamenti con il magnesio hanno dimostrato di contribuire a fermare un attacco d’asma. Gli spinaci hanno anche un alto contenuto di potassio, la cui carenza può esacerbare i sintomi dell’asma.

 4) Banana Una banana al giorno potrebbe tenere lontano l’asma, secondo uno studio del 2011 dei ricercatori della Gran Bretagna dell’Imperial College di Londra che hanno scoperto che i bambini che mangiano solo una banana al giorno, hanno un ridotto  rischio di sviluppare sintomi asmatici, come respiro sibilante, di circa il 34 per cento. Le banane sono anche naturalmente ad alto contenuto di fibre e possono aiutare a prevenire patologie respiratorie in via di sviluppo.

 5) Acqua . Per molte delle persone con diagnosi di asma, la disidratazione è la vera causa dei sintomi di asma. In effetti, secondo l’esperto Dr. Fereydoon Batmanghelidj, l’insieme di sintomi comunemente etichettati come sintomi dell’asma, sono in realtà solo “il corpo che grida per avere più acqua”. Quindi vale la pena bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno per evitare di sviluppare sintomi di asma.

6) Zenzero Ricco di anti-infiammatori, lo zenzero è un altro potente anti-asma  che  funziona anche meglio di farmaci antistaminici, per liberare le vie aeree e arrestare l’infiammazione. La parte migliore dello zenzero è la radice che non provoca effetti collaterali dannosi e si può tranquillamente aggiungere agli alimenti e bevande di tutti i giorni.

7) Curcuma L’infiammazione responsabile del gonfiore dei polmoni e costrizione delle vie respiratorie durante un attacco d’asma, non può competere con la Curcuma, il cui principio attivo sta dimostrando di essere uno dei più potenti anti-infiammatori esistenti. Aiuta a dilatare i vasi sanguigni e rilassare i muscoli ed è una potente arma per mantenere a bada i sintomi dell’asma.

8) Sambuco Una delle fonti vegetali più ricche di Quercetina, un composto antiossidante potente, il sambuco è un incredibile immunostimolante che aiuta a combattere il raffreddore, influenza e malattie respiratorie come l’asma. Secondo l’ Università del Maryland Medical Center (UMMC), la Quercetina è particolarmente efficace nel bloccare il rilascio di istamina e altre sostanze chimiche allergiche e infiammatorie nel corpo, comprese quelle connesse con l’asma.

9) Mele Hanno  elevata quantità di Quercetina e forniscono una protezione efficace contro l’asma. Uno studio realizzato in Europa, ha  trovato che le donne incinte che hanno mangiato almeno quattro le mele a settimana, avevano il 53 per cento meno probabilità di avere un bambino con asma. E lo stesso studio che collegava il consumo di Banane con  la riduzione dei sintomi dell’asma, ha anche scoperto che i bambini che bevono succo di mela hanno circa il 50 per cento in meno di probabilità di sviluppare sintomi di asma.

chia10) Semi di Chia Sono ricavati da una specie vegetale denominata Salvia Hispanica molto diffusa ed utilizzata in Centro e Sud America, ma ancora scarsamente conosciuta in Europa e in Italia. I semi di Chia presentano proprietà nutrizionali degne di essere conosciute. A stupire è soprattutto il loro contenuto di calcio e la presenza particolarmente bilanciata all’ interno di essi, di Acidi Grassi Essenziali Omega3 e Omega6. Un concentrato di omega-3 acidi grassi, magnesio e Quercetina,  fanno dei Semi di Chia un potente anti-asma. Gli omega-3 sono noti per aiutare a diminuire l’infiammazione nei bambini e negli adulti, così come ripristinare l’equilibrio naturale alle pareti delle membrane cellulari. Uno studio che ha coinvolto a lungo termine l’uso di integratori di omega-3 nei soggetti asmatici, ha anche confermato che il nutriente può portare a una significativa riduzione dei sintomi dell’ asma, in particolare in coloro che soffrono di allergie legate all’ asma.

UN CONSIGLIO PERSONALE DA ADDIZIONARE – Favorite la respirazione diaframmatica cioè quella fatta con la pancia.

GRAZIE DI AVER LETTO VOI LETTORI SIETE LA MIA INSPIRAZIONE, PER AVER SCRITTO QUESTO ARTICOLO, SE VI È PIACIUTO DITELO HAI VOSTRI AMICI E CONDIVIDETELO NEI SOCIAL, QUESTO È UN AIUTO CHE MI DATE PER FARE SEMPRE MEGLIO GRAZIE!

Pubblicato il Lascia un commento

Allontanare le Zanzare in Modo Naturale (con il Cibo)

zanzara

Per Allontanare le Zanzare in Modo Naturale (con il Cibo) è importante sapere che questi insetti così tanto sgraditi agli esseri umani, vengono attratti a noi dall’odore della nostra pelle, ho della sudorazione, anche se noi non siamo in grado di sentire il nostro odore, questi piccoli ma fastidiosi insetti hanno delle ghiandole olfattive molto sviluppate ed evolute, che permettono attraverso di esse di sapere con esatta precisione quale è il sangue più adatto per il loro far bisogno giornaliero.

Inoltre è importante sapere che questi animaletti vengono attratti anche grazie hai cibi che ingeriamo, che producono attraverso delle sostanze in essi contenuti, degli odori particolari che possono ho no attrarre a noi questi fastidiosi volatili.



//

È IMPORTANTE RICORDARE CHE QUESTE INDICAZIONI VALGONO PER LA MAGGIOR PARTE DELLE ZANZARE, È CHE CI PUÒ ESSERE SEMPRE QUALCHE ZANZARA TEMERARIA CHE IN CASO SPECIALE VI POTRÀ PUNGERE, MA SICURAMENTE LA MAGGIOR PARTE DI QUESTE VI EVITERANNO ALLA GRANDE, DIMINUENDO DRASTICAMENTE IL NUMERO DI PUNTURE DI QUESTI FASTIDIOSI INSETTI, GRAZIE AD ALCUNI PRINCIPI ATTIVI CHE VI PARLEREMO NEL CORSO DI QUESTO ARTICOLO.

 

I CIBI CHE ATTRAGGONO LE ZANZARE

Tra questi alimenti spicca sicuramente la carne insaccata ( come Salumi e gli Affettati) che attira questi animaletti come nessun altro cibo, quindi l’ideale è diminuirne il consumo, come anche le carni rosse ed i formaggi stagionati, tutti questi prodotti sono molto gustosi ma di contro aumentano la temperatura del corpo di molto attirando così a se le zanzare vicine a noi.

pompelmoI CIBI ANTI ZANZARA

Iniziando dal quello che da sempre è riconosciuto come cibo principe anti zanzara al primo posto C’è il Pompelmo (al naturale e in spremuta), grazie alla presenza di una sostanza chiamata Nootkatone “nota per essere insetticida naturale”, al secondo posto abbiamo invece L’Aglio già noto al mondo per allontanare i vampiri, questo alimento è considerato grazie ad una sostanza chiamata Allicina un forte repellente naturale, che conferisce alla nostra pelle un odore acre che è perfetto per allontanare questo fastidioso insetto anche affamato da noi. Al terzo posto possiamo trovare il Pepe Nero che grazie alla sostanza chiamata Acilpipedrine ci aiuta ha tenerle lontane.altri alimenti utili ha questo scopo sono: il Basilico, la Menta, Lavanda e Peperoncino che quando consumato rilascia un odore durante la nostra sudorazione, che fa da repellente naturale, oltre ha questi abbiamo anche La Crusca ed il Lievito di Birra che come il Peperoncino possiedono una quantità elevata della Vitamina B1 conferisce alla nostra pelle quell’odore cosi sgradito ha questi insetti così fastidiosi, per tanto gli allontana da noi.

Pubblicato il Lascia un commento

I Cibi per Vivere una Vita Lunga e di Qualità

dieta

I Cibi per vivere una vita lunga e di qualità oggi sono una realtà scoprili insieme a noi, dopo molti anni di ricerche scientifiche finalmente siamo oggi arrivati ad una conclusione vivere a lungo non è solo un fattore genetico, ma esistono cibi che aiutano notevolmente il nostro corpo a vivere sia una vita più lunga, che di una qualità migliore, rispetto alla maggior parte delle persone.

Oggi finalmente gli scienziati e gli oncologi sono d’accordo sulla importanza del cibo anche sulla longevità della nostra vita, infatti e notizia recente dell’ultima ora che il centro clinico e di ricerca milanese IEO (ISTITUTO EUROPEO ONCOLOGIA) ha approvato la prima dieta che ITALIANA che unisce la scienza alla nutrizione il uso nome è SMART FOOD.



//

SANI PER SCELTA

Uso di questi alimenti aiuta alla prevenzione di molte patologie al di la della dieta in questione difatti e risaputo che da sempre che l’alimentazione variata e naturale porta sempre molti benefici al nostro organismo, permettendogli di restare in salute e rafforzandolo.

VEDIAMO ORA QUESTI 32 CIBI CHE SONO:

Iniziamo ora con i 22 alimenti per quanto riguarda la longevità che sono: Arance Rosse, Asparagi, Cachi, Capperi, Cavoli Rossi,Ciliegie, Cioccolato Fondente, Cipolle, Curcuma,Fragole, Frutti di Bosco, Lattuga, Melanzane, Mele, Peperoncino, Prugne Nere, Paprika Piccante, Patate Viola, Radicchio, The Verde, The Nero, Uva.

Passiamo adesso a quei 10 alimenti protettivi che sono: Aglio, Tutti i cereali integrali, Erbe Aromatiche, Frutta Fresca, Frutta a Guscio (FRUTTA SECCA tra qui Noci, Mandorle, Pistacchi e molti altri), Legumi, Olio Extravergine di Oliva,Olio di Seni Spremuti a Freddo, Semi Oleosi, Verdura Fresca.

Pubblicato il Lascia un commento

Consigli per Vivere una Vita Sana e Lunga

tramonto

Molte volte ci chiediamo ma è d’avvero possibile vivere a lungo e in buono stato? secondo gli Scienziati del Imperial College di Londra sembra proprio di si, e sopratutto che ci siano delle regole ben definite per arrivare ad una vita lunga e in buono stato fisico e mentale, abitudini che possono secondo questi scienziati ad una vita di qualità molto superiore alla vita comune della maggior parte della massa.



//

 

correreQueste sono delle regole di oro che possono aiutare chiunque a vivere meglio,

1)  Mantenere il peso ideale, avendo in questo modo il giusto equilibrio tra massa magra e massa grassa, oltre che farci sentire più in forma sia fisica che mentale.

2) Fare almeno un minimo di 30 minuti al giorno di esercizio fisico, questo sicuramente aiuta ha mantenere il corpo in buono stato oltre ha questo attraverso il sudore espelliamo molte tossine che diversamente sarebbe difficile buttare fuori dal nostro corpo.

3) Limitare il consumo di alimenti ad alto contenuto sia di grassi che di zuccheri semplici come ad esempio (lo zucchero, bevande zuccherate, dolci), latte condensato, succhi concentrati es.(tutti quei succhi che si devono diluire con acqua per poterli consumare), alimenti poveri di fibre,

4) Al contrario invece e una buona abitudine è rappresentata da una buona tavola ricca di Ortaggi, Frutta, Verdura e Cereali Integrali, l’ideale sarebbero 5 porzioni di verdura al giorno, cambiare alimenti ogni giorno aiuta ha ingerire vari tipi di nutrienti, ma non sempre questo e possibile, ” anche se questa sarebbe una ottima abitudine”.

5) Limitare il consumo di carni in particolar modo quelle rosse, ma sicuramente tra queste quelle peggiori sono i salumi in generale, sarebbe ottimo per il nostro organismo limitarli il più possibile.

6) Limitare il più possibile il consumo di Alcool, il massimo consentito e di 2 bicchieri di vino per l’uomo ed un bicchiere di vino per la donna e ciò indipendentemente se il corpo e abituato o no.

7) Per chi ha avuto un bambino da poco allattare al seno fino al sesto mese, Diversi studi avrebbero infatti dimostrato che allattare al seno per almeno 6 mesi ridurrebbe il rischio di morte per cancro del 10 per cento e del 17 per cento per quanto concerne le malattie circolatorie.

Pubblicato il Lascia un commento

Acidità di Stomaco 3 Rimedi Naturali

bruciore di stomaco rimedi naturali

 

Oggi è abbastanza comune soffrire di acidità di stomaco, dovuto allo stile di vita che si vive sempre in corsa, pasti disordinati e alcune volte anche molto abbondanti, vediamo alcuni rimedi naturali.

 

PRIMO RIMEDIO:

Bicarbonato di Sodio: sicuramente uno dei più conosciuti è questo, prendere un cucchiaino solitamente diluito in mezzo bicchiere di acqua, anche se questo aiuta molto a calmare i bruciori di stomaco molte persone aggiungono un po di limone spremuto che aiuta anche la digestione.

 

SECONDO RIMEDIO

Finocchi Crudi o Cotti: ottimi per migliorare la digestione i finocchi sono eccellenti anche per diminuire e regolare gli acidi dello stomaco, aiutando con il suo PH alcalino questo alimento si colloca in questa lista di prodotti utili per regolare i succhi gastrici sia che siano cotti a vapore o crudi.

 

TERZO RIMEDIO

Zenzero: detto anche (gengibre) questo alimento è noto per le sue eccellenti proprietà anti infiammatorie, sia per la gola incluso il tratto gastroesofageo, che anche per lo stomaco, sia sotto forma di tisana che anche masticato crudo.

Pubblicato il Lascia un commento

Bicarbonato di Sodio 12 Modi per Uso Personale

bicarbonato di sodio e i suioi usi

 

L’idrogenocarbonato di sodio o carbonato acido di sodio o carbonato monosodico (o bicarbonato di sodio che è il nome più comune, ma che è stato deprecato dalla IUPAC, commercialmente noto semplicemente come bicarbonato) è un sale di sodio dell’acido carbonico. A differenza del carbonato, l’idrogenocarbonato mantiene uno ione idrogeno dell’acido corrispondente.

È tra gli additivi alimentari codificati dall’Unione europea, identificato dalla sigla E 500.

In natura, oltre che frequentemente disciolto nelle acque superficiali e sotterranee, è presente raramente come minerale, generalmente sotto forma di efflorescenze, incrostazioni e masse concrezionate[3] in depositi di tipo evaporitico. Si rinviene come nahcolite (NaHCO3) o come componente secondario del natron (Na2CO3·10(H2O)), un carbonato idrato di sodio di genesi evaporitica in ambienti aridi.

BICARBONATO DI SODIO, USI PER LA TUA CASA, SALUTE E BELLEZZA – Il bicarbonato di sodio, inisieme a sale, limone ed aceto è uno di quei prodotti da tenere sempre a portata di mano. Il bicarbonato è facilmente reperibile in qualsiasi supermercato.

C’è chi lo utilizza in lavatrice addizionato al detersivo per ottenere capi più bianchi o come coadiuvante nel lavaggio di frutta e verdura.



//

Ecco alcuni dei modi di utilizzo, tutti da scoprire.

IGIENE PERSONALE

Dentifricio: Una volta alla settimana potete utilizzare il bicarbonato come coadiuvante per la pulizia dei denti. Immergete lo spazzolino nel bicarbonato, passatelo sotto l’acqua e utilizzatelo come se si trattasse di un normale dentifricio. Per rendere il sapore più gradevole, aggiungete poche gocce d’olio essenziale di menta.

Colluttorio: Sciogliete un cucchiaino di bicarbonato in mezzo bicchiere d’acqua. Utilizzate come un normale colluttorio. Vi aiuterà a sconfiggere l’alito cattivo neutralizzando gli odori.

Pulizia di dentiere e apparecchi: Sciogliete due cucchiaini di bicarbonato in una tazza d’acqua calda. Immergetevi l’apparecchio o la dentiera. Il bicarbonato aiuta a distaccare i rimasugli di cibo. Potete completare la pulizia con l’aiuto di uno spazzolino.

Scrub viso e corpo: Unendo tre parti di bicarbonato con una parte d’acqua potete ottenere un esfoliante da utilizzare per il viso o per il corpo,. massaggiate delicatamente sulla pelle con movimenti circolari e poi risciacquate con acqua tiepida.

Deodorante: Il bicarbonato può essere utilizzato puro come deodorante fai-da-te per i piedi e le ascelle, applicandolo con le dita o con l’aiuto di un piumino da cipria. Per ottenere un deodorante liquido, sciogliete due cucchiaini di bicarbonato in un bicchiere d’acqua, lasciate riposare per 24 ore e trasferite il tutto in un contenitore spray, magari riciclando la confezione di un vecchio deodorante.

Digestivo antiacido: Per aiutare la digestione ed eliminare l’acidità di stomaco, si consiglia di sciogliere un cucchiaino di bicarbonato in un bicchiere d’acqua a cui avrete aggiunto il succo di mezzo limone. Si ottiene così un antiacido che aiuta a digerire ed evitare gonfiori.

Punture d’insetti e irritazioni: Realizzate un composto cremoso da applicare sulle punture d’insetti per alleviare il prurito mescolando un cucchiaino di bicarbonato con un po’d’acqua. In caso di leggere irritazioni della pelle, applicate un po’di bicarbonato sulle zone interessate dopo la doccia con la pelle ancora umida.

Pulizia delle mani: Per neutralizzare sporco e cattivi odori, sfregate sulle mani il composto ottenuto mescolando tre parti di bicarbonato con una parte d’acqua. Potete aggiungere un cucchiaino di bicarbonato alla quantità di sapone liquido che utilizzate abitualmente per ottenere un’azione anti odore ancora più efficace.

Shampoo: Aggiungete alla quantità di shampoo che utilizzate abitualmente un cucchiaino di bicarbonato e amalgamate bene. I vostri capelli risulteranno morbidi e puliti poiché il bicarbonato avrà eliminato ogni residuo di calcare o lasciato dai prodotti di styling.

Spazzole e pettini: Per una migliore pulizia di spazzole e pettini, immergeteli in un contenitore di acqua tiepida in cui avrete disciolto un cucchiaio di bicarbonato, che vi aiuterà ad eliminare ogni residuo di sostanze presenti su di essi.

Bagno: Se volete ottenere una pelle morbida e vellutata, aggiungete in una vasca di acqua mezza tazza di bicarbonato e rimarrete stupiti dell’effetto emolliente che otterrete.

Pediluvio: Sciogliete in un catino d’acqua calda due cucchiai di bicarbonato e immergetevi i piedi per un pediluvio rilassante. Ed inoltre unendo un pochino d’acqua ad un cucchiaio di bicarbonato potete ottenere una pasta da strofinare su talloni e zone ruvide per ammorbidirle.

Pubblicato il Lascia un commento

6 modi per sbiancare i denti in modo naturale

bianchi i denti naturale

 

A chi non piacerebbe avere un sorriso brillante? Tuttavia, abitudini come caffè, bibite gassate o fumo possono danneggiare quotidianamente i nostri denti.

Inoltre, una scarsa igiene dentale causa un aumento della porosità dello smalto, permettendo l’accumulo di piccoli resti di cibo, e quindi di placca. L’acido di alcuni alimenti, come i dolci raffinati, può peggiorare la situazione.

Alcuni alimenti come pere, mele, carote, cetrioli, cavolfiori, lattuga, broccoli e spinaci, grazie alle loro fibre e alle sostanze nutritive, creano una pellicola protettrice sullo smalto dei denti, evitando che essi si macchino.



//

Fragole: oltre a possedere vitamina C, sono ricche di acido malico, molto efficace per rimuovere le macchie dai denti. Strofina una fragola sui denti per qualche minuto, poi risciacqua con dell’acqua ed usa un filo interdentale per rimuovere i semini.

Bucce d’arancia e foglie di alloro: tritura entrambi gli ingredienti, mescolali e strofinali sui denti, aiutandoti con uno spazzolino. Puoi anche strofinare i denti direttamente con una buccia d’arancia.

Aceto di mele: mescola aceto di mele e bicarbonato di sodio, fino a raggiungere la consistenza di un dentifricio, ed usalo per lavare i denti.

Masticare mele e sedano: mangiare una mela al giorno aiuta a sbiancare i denti. Così come le fragole, anche le mele contengono acido malico. Le fibre di cellulosa del sedano elimineranno le macchie dai denti dopo aver bevuto tè o caffè.

Latte di cocco: l’olio di cocco contiene acidi grassi che, combinati con la saliva, producono una molecola di ossigeno che aderisce alle macchie dei denti. Ciò scatenerà una reazione chimica capace di rimuovere le macchie spazzolando e risciacquando.

Bicarbonato di Sodio: Il Bicarbonato di sodio viene ampiamente utilizzato per sbiancare i denti, rimuovendo le macchie e rendendoli più bianchi e lucenti, sia in ambito professionale (presso gli studi dentistici) che in quello prettamente domestico.

Pubblicato il Lascia un commento

2 Rimedi Naturali per il Mal di Gola

mal di gola

 

Il mal di gola è dovuto a un’infiammazione acuta delle formazioni linfatiche dell’orofaringe nella sua parte posteriore e in quella laterale dove ci sono le tonsille; nella maggioranza dei casi la causa è un’infezione virale o batterica. Con l’arrivo della stagione fredda è difficile sfuggire al mal di gola. A volte la sensazione di bruciore in gola dura un paio di giorni e si risolve spontaneamente, altre volte è accompagnata da febbre, tosse, raffreddore (quindi alla sua origine c’è un’infezione causata da uno dei tanti virus del raffreddore).
Non è raro che a causare quella fastidiosa irritazione alla gola siano agenti esterni come fumo o altre sostanze irritanti, o per aver parlato o urlato un po’ troppo; non vanno sottovalutate le infezioni batteriche di solito Streptococco che oltre alla gola coinvolgono anche le tonsille.
Il medico può prescrivere un tampone faringeo per stabilire se il mal di gola sia di origine virale o di origine batterica.



//

IL PRIMO RIMEDIO É:

acqua e limone

 

Si esattamente questo acqua fresca con limone tutto qui, l’acqua fresca a un’ azione decongestionante per le vie orali, ed il limone é un ottimo disinfettante oltre che ricco di vitamina c che come tutti sanno é un rinforzo per le difese immunitarie, oltre che per il semplice raffreddore.

 

IL SECONDO RIMEDIO NATURALE È:

alcool etilico

Si avete visto bene è l’ alcool etilico è molto semplice l’ho appreso in Brasile, si prende una pezza e la si bagna con Alcool e la si tiene sul collo per tutta la notte, quando vi alzerete la mattina noterete che il mal di gola non c’è più.

Pubblicato il Lascia un commento

2 Modi per Togliere i Porri in Maniera Naturale

eliminare le verruche

 

Vediamo per prima cosa è il Porro cosa è? secondo il dizionario medico del “coriere della sera” le “Verruche volgarmente dette porri”, rappresentano una delle più comuni infezioni da virus responsabili di queste forme sono i Papilloma virus (HPV). Le verruche si mostrano con aspetto diverso secondo la localizzazione: possono essere filiformi, piatte, rilevate o addirittura a cavolfiore. La loro contagiosità è scarsa, ma provata  più nota e facilmente accertabile è la loro autoinoculabilità: una singola lesione iniziale è spesso seguita dallo sviluppo di altre verruche satelliti. Le verruche sono principalmente un’affezione dell’età giovanile.



//

VEDIAMO ORA IL PRIMO METODO

2 modi per togire i porri03

Per prima cosa laviamo la parte con la verruca con acqua e sapone ed asciughiamola bene, dopo di che tagliamo la testa di Aglio in due parti e leghiamolo appoggiando la parte interna dell’aglio sulla verruca, e cambiamolo ogni 12 ore circa fino a quando la verruca non si secca dopo di che aspetta qualche giorno è sara facile da togliere semplicemente grattandola e si staccherà come pelle morta.

 

SECONDO METODO
togliere i porri in modo naturale

Anche se quasi sempre non dolorosi i piccoli peduncoli, noti anche come fibroma pendulo che si formano attorno al collo, alle ascelle rappresentano un inestetismo molto comune. Per eliminarli esiste un metodo naturale: a descriverlo ci ha pensato il dottor Doug Willen, autore di Quantum Paleo.

Immergete un batuffolo di cotone nell’aceto di mele e strofinare sulla zona interessata due/tre volte al giorno. Proseguite il trattamento fino a quando il peduncolo cambia colore. Negli ultimi giorni di trattamento, dovrebbe scurirsi e cadere.

Il medico consiglia: “Tenete a mente che l’aceto di mele è acido e può causare qualche lieve prurito e bruciore per qualche minuto quando si esegue questo trattamento. Per minimizzare questi effetti diluire l’aceto con acqua prima di procedere con il trattamento”.